Vibra 3.0, altra tecnologia al servizio del Renzullo Centro di Riabilitazione

Il focus dedicato all’Area Robotica del Renzullo Centro di Riabilitazione in Sarno prosegue con un secondo importante strumento sempre più adoperato per il trattamento non invasivo di patologie muscolari e neuro-muscolari.
 
Stiamo parlando di Vibra 3.0, il nuovo sistema ad onde meccano-sonore selettive la cui applicazione in campo scientifico risale sì al 1949 (in tale data sono attestati i primi lavori relativi all’impiego delle vibrazioni in medicina), sebbene solo grazie agli avanzamenti tecnologici attuali sia stato possibile sfruttare a pieno il valore terapeutico delle vibrazioni.
 
Njegos Visnjic, giocatore della Virtus Arechi Salerno, nell’Area Robotica del Renzullo Centro di Riabilitazione
 
 
Negli anni la ricerca scientifica e biomedica ha compiuto passi da gigante consegnando ai professionisti del settore una strumentazione in virtù della quale le vibrazioni generate da Vibra 3.0 vengono trasmesse ai recettori cutanei tramite appositi trasduttori posti sui distretti muscolari in maniera assolutamente non invasiva.
 
Gli effetti benefici di Vibra 3.0 sono evidenti dopo poche sedute e perdurano nel tempo con conseguenziali vantaggi per i pazienti che si sottopongono a tale pratica. Vibra 3.0 velocizza il recupero funzionale, si contraddistingue in quanto trattamento innocuo e dall’elevata efficacia terapeutica, induce una sensazione di benessere, predisponendo all’attività fisica post-terapia ed è applicabile anche nei confronti di pazienti con fragilità capillare, grazie ad un ridotto effetto “vacum”.
 
Altri rilevanti aspetti che rendono questa tecnologia sempre più richiesta hanno evidentemente a che fare con le proprietà di Vibra 3.0 attinenti al miglioramento della propriocezione (ovvero, la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli, senza il supporto della vista) e dell’equilibrio posturale, al mantenimento e all’ottimizzazione del tono e del trofismo muscolare, senza con ciò tralasciare l’aumento della resistenza fisica ed il miglioramento della condizione muscolare.
 
L’impiego delle vibrazione con finalità terapeutiche, dunque, è oggi consolidato in diversi settori della Medicina Fisica e Riabilitativa, Neurologia, Terapia del dolore, Posturologia, Geriatria, Medicina dello Sport, Fisioterapia, Kinesiologia e Medicina Estetica.
 
Per info sul Renzullo Centro di Riabilitazione e per il tour virtuale dell’Area Robotica:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *