N’artro giro (Me stavo a dì quarcosa de importante…)

N’artro giro

Sò vecchio dentro, lo voi sapé de che?

De li sorrisi senza av’è mai riso,

de li castelli’ n sabbia lassati ar fato loro,

de li fogli scritti senza stà a capì,

der viso tuo, che tutto passa e quello resta lì.

 

So vecchio dentro, nun serve più provà

a cojonà n’monno che nun se po’ fermà.

C’è n tempo per li sogni e n’artro per li sonni

e questo è er mio, mo’ basta de’ scherzà.

 

C’ho tempo ancora pe’ n’urtima ciospa

neppure so più bono a respirà,

che poi ne li sospir dico la mia

quelli de poesia so più arte tua.

 

Che a dilla tutta, arte tua so troppe cose,

arte tua è guardà ar monno coll’occhi dei pischelli,

sentì la forza de cambià ‘e regole,

avecce dentro ar core quadri belli

da mette’n mostra prima che vie’ giorno.

 

So’ vecchio dentro, de questo stà sicura

ma a ripensatte m’offro n’artro giro,

magari lo rivedo quel sorriso

ha fatto secco pure er giostrarolo.

 

Carmine Lione

“La fine dell’inverno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *